Autoterapia con i fiori di Bach: come trovare i fiori giusti per te

woman-reading

La floriterapia è una tecnica semplice e basta un po’ di curiosità e di buona volontà per familiarizzarsi con le essenze.

Dopo avere ottenuto benefici dalla prime esperienze, magari all’inizio con l’aiuto di un buon libro o di una persona più esperta,  molte persone si entusiasmano e imparano presto a preparare da sole la miscela per sè, i propri figli, gli amici animali, per affrontare i tanti, piccoli problemi della vita quotidiana.

Per scegliere i fiori giusti, segui questo  schema.

Metti a fuoco il tuo problema…

– Rifletti sulla situazione di disagio che stai vivendo attualmente. Potrebbe essere sia un problema fisico che psicologico.

– Qual’è lo stato d’animo associato a questa situazione?

– Se i problemi sono numerosi, fai una gerarchia dei malesseri e delle emozioni che ti fanno soffrire di più.

Seleziona i rimedi più adatti a te…..

– Se hai poca esperienza con la floriterapia ti consiglio di iniziare con i fiori di Bach perchè sono anche quelli più facilmente reperibili ed economici. Ci sono numerosi siti ed ottimi testi dove si trovano approfondite descrizioni di questi fiori. Trovo però particolarmente utile ed efficace per chiunque la descrizione originale di Bach che puoi scaricare anche in versione pdf.

– Scegli uno o più rimedi il cui campo d’azione corrisponde meglio al tuo stato emotivo e nella cui descrizione ti identifichi maggiormente.

– Non usare più di 5-6 rimedi nella stessa miscela per non diminuirne l’efficacia e valutare più chiaramente gli effetti nel tempo e ricordati che puoi mescolare fiori di Bach e californiani, mentre i fiori australiani non vanno mescolati con quelli di altri repertori.

Come prepararli...

Nel flacone: in un flacone da 30 ml riempito con acqua oligominerale aggiungi un cucchiaino di brandy (come conservante) e 2 gocce di ogni rimedio, 4 nel caso del Rescue Remedy, 7 nel caso dei fiori australiani. Ti durerà per circa tre settimane

Nel bicchiere: nel caso di un problema transitorio, puoi mettere le stesse dosi di gocce in un bicchiere d’acqua e sorseggiarlo in 10′. E’ utile per esempio prima di affrontare un impegno che ti crea ansia (Larch), se ti senti molto stanca (Olive), dopo uno spavento (Rescue Remedy) etc.

Come assumerli….

Fiori di Bach e californiani: 4 gocce, almeno 4 volte al giorno sotto la lingua possibilmente a stomaco vuoto

Fiori australiani: 7 gocce, 2 volte al giorno sotto la lingua possibilmente a stomaco vuoto

Per quanto tempo…..

Il flacone dura circa 3 settimane. Dopo aver finito la miscela,  potresti aver già risolto il tuo problema.

In caso contrario, per disagi di vecchia data o molto profondi, saranno necessari tempi più lunghi. In questo caso ogni volta è meglio rivedere la formula sostituendo i rimedi che non servono più con altri più idonei corrispondenti ai nuovi stati d’animo emersi.

Grazie per condividere questo articolo se ti è piaciuto e se pensi che possa essere di aiuto a qualcuno!

Se vuoi rimanere aggiornata sui prossimi articoli, iscriviti QUI!

2 thoughts on “Autoterapia con i fiori di Bach: come trovare i fiori giusti per te

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *