Preparazione e somministrazione dei fiori di Bach

Bach remediesPoichè c’è sempre un po’ di confusione sulla preparazione e somministrazione dei rimedi di Bach, vi riporto le indicazioni del dott. Bach stesso, scritte nell’ultima versione de “I dodici guaritori e altri rimedi”, pubblicata per la prima volta nel 1941.

Poiché tutti questi rimedi sono puri ed innocui, non si deve temere di somministrarne in eccedenza oppure troppo spesso, sebbene soltanto la più piccola quantità sia sufficiente per agire come una dose. Né alcun rimedio può produrre un effetto nocivo qualora risultasse non essere quello realmente necessario al caso specifico.
Per la preparazione, prelevare circa due gocce dalla boccetta stock e porle in un flaconcino quasi pieno di acqua; se fosse necessario serbare il flaconcino per qualche tempo, sarebbe preferibile aggiungere poco brandy come conservante.
Questo flaconcino è usato per somministrare le dosi, e soltanto poche gocce del preparato, assunte in poca acqua, latte, o in qualunque modo pratico, è tutto quanto necessita.
Nei casi urgenti le dosi possono essere date ad intervalli di pochi minuti, finché non ci sia un miglioramento; in casi gravi circa ogni mezz’ora; e nei casi a lungo termine ogni due o tre ore, o con maggior o minor frequenza A chi è in stato d’incoscienza, inumidire frequentemente le labbra.
Qualora siano presenti dolore, rigidità, infiammazione, o problemi localizzati di qualsiasi genere, andrebbe applicata una lozione. Prelevare alcune gocce dal flacone del medicinale e metterle in una ciotola d’acqua, immergervi un panno e coprire la parte affetta; è possibile inumidire il panno di tanto in tanto, se necessario.
Spugnature o bagni con acqua cui si aggiungono alcune gocce di rimedi possono talvolta essere utili secondo le necessità del paziente.

Successivamente, per rispondere alle domande delle persone che utilizzavano i rimedi, tali indicazioni sono state riscritte e si è giunti alla modalità più diffusa di prescrivere 4 gocce, almeno 4 volte al dì.

Tutto chiaro? 😉

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *