Il fiore di Bach Mimulus: dalla paura al coraggio

Mimulus si trova sulle rive dei torrenti di montagna dove l’acqua scorre rapida cristallina.

Sembra un fiore delicato, ma non lo è: spesso cresce in condizioni precarie appeso ad una roccia, vicino ad una cascata, sui margini di un fiume, dove resiste tenacemente alle correnti e alle piene.

Ama vivere pericolosamente.

1024px-Common_monkeyflowers_Mimulus_guttatus_rocky_stream

A chi è di aiuto questo rimedio?

 

Alle persone timide e molto sensibili

Mimulus è uno dei dodici guaritori, vale a dire uno di quei rimedi che secondo Bach corrispondono ad un tipo specifico di personalità congenita e ad una qualità specifica, il coraggio.

La persona Mimulus è caratterizzata da tratti fini e delicati, ha un aspetto dolce e fragile.

E’ piuttosto timida e riservata. Il contatto con gli altri la mette un po’ a disagio perché non è mai sicura di sé stessa fino in fondo, teme di essere rifiutata, o di non essere all’altezza o di essere giudicata.

E’ molto, molto sensibile: al rumore, al troppo caldo, al troppo freddo, agli ambienti troppo affollati; in generale, rifugge da ogni eccesso.

Per queste sue caratteristiche, ogni tanto ha bisogno di ritirarsi in un posto sicuro, dove godere del silenzio e della tranquillità necessarie per ricaricare le proprie energie.

Queste persone sopportano i propri timori silenziosamente e in segreto, non ne parlano. (E. Bach)

E’ tipico della persona Mimulus reprimere le proprie emozioni, non parlarne con nessuno, non mostrarsi vulnerabile. Questa controllo genera però molta tensione interiore, molta ansia che nei casi estremi può trasformarsi addirittura in panico o consolidarsi in una fobia.

E’ un fiore che si riscontra spesso anche nell’infanzia e si riconosce facilmente.

Il bambino Mimulus è timido, vergognoso, dipende fortemente dal contatto materno. Come l’adulto è ipersensibile agli stimoli esterni e si potrebbe ammalare spesso per sfuggire l’interrogazione o un appuntamento molto temuto.

Ho trovato molto interessante questo parallelismo fatto da Julian Barnard, di cui più in basso vi lascio un bel video in inglese di Mimulus.

Mimulus è in grado di sopravvivere per un certo tempo sott’acqua, come una persona quando trattiene il fiato.

Il tipo Mimulus può dunque essere associato alla respirazione, o meglio, alla mancanza di respirazione. Cessa di respirare quando è spaventato e in genere respira in modo superficiale, riempiendo solo la parte superiore dei polmoni. Come la pianta, impara a sopravvivere alle inondazioni dei sentimenti che lo travolgono e lo sbattono di qua e di là. E’ fragile e al contempo determinato.

Un tratto comune ad adulti e bambini è la preoccupazione permanente. Mimulus passa buona parte del suo tempo a prefigurarsi in anticipo gli eventi o a cercare di prevenire quello che accadrà.

Il lato più importante di questo rimedio è quello mentale; quello fisico è generalmente il risultato della tensione mentale. (E. Bach)

Per queste persone è molto importante sentirsi accettate e al sicuro.

L’assunzione del rimedio apporta dei benefici rapidi, soprattutto nei più piccoli. La sensibilità e la delicatezza di Mimulus possono convivere con la forza e la determinazione per affrontare al meglio le incombenze di questo mondo, i rapporti con gli altri e superare ostacoli e difficoltà. La qualità che apporta è il coraggio.

Mimulus che cresce ai bordi dei ruscelli cristallini, ti renderà libero di amare la tua vita, insegnandoti la simpatia più gentile verso gli altri. (E. Bach)

A chi ha una paura concreta

1235px-Mimulus_guttatus_flower_2003-03-13Mimulus è utile anche a coloro che pur non riconoscendosi nelle caratteristiche tipologiche del rimedio, soffrono di timori concreti.

Paura delle cose del mondo: malattie, dolori, incidenti, povertà; paura del buio, di essere soli, della fortuna avversa. Le paure della vita quotidiana. (E. Bach)

Non si tratta di paure totalizzanti, ma di apprensione rispetto a qualcosa di concreto in cui è evidente una relazione causa-effetto con l’oggetto della paura.

Vi faccio degli esempi:

  • Paure legate alla salute: in particolare quando ci si trova effettivamente in una condizione di precarietà e di difficoltà, paura di morire, di non guarire, di non essere più quello di prima, paura di un intervento chirurgico, dell’esito di un esame diagnostico, etc.
  • Paure di oggetti o creature concrete: paura dei coltelli, dei serpenti, dei piccioni, degli insetti, di determinate persone.
  • Paure di situazioni specifiche: di andare in aereo, dell’altezza, dell’acqua alta, di nuotare, di andare dal dentista, degli spazi chiusi o aperti, della folla, di parlare in pubblico, di sostenere un’interrogazione, paura di andare in bicicletta, di guidare.

Questo tipo di paure possono essere vinte attraverso l’assunzione di Mimulus perchè permette di trovare delle strategie mentali per gestirle e superarle.

Non a caso, i fiori del Mimulus scelto da Bach sono di colore giallo, il colore dell’intelletto.

Mi è capitato di usarlo spesso con le persone ipocondriache e con coloro che per qualche motivo si sentono a disagio in una situazione sociale: quando sono in compagnia non parlano, oppure si sentono un pesce fuor d’acqua o evitano addirittura di partecipare a cene o feste che potrebbero metterli in imbarazzo.

Spero abbiate occasioni di usare anche voi questo rimedio e di apprezzarne i risultati e l’energia positiva che diffonde!

La paura della realtà non trova spazio nel regno naturale dell’uomo, dato che la Divinità è in noi, ovvero è noi, invincibile e immortale;se solo potessimo comprendere che noi, quali Figli di dio, non abbiamo nulla da temere. (E. Bach)

Grazie per condividere questo articolo se ti è piaciuto e se pensi che possa essere di aiuto a qualcuno!

Se vuoi rimanere aggiornato sui prossimi articoli, iscriviti QUI!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *