Oli essenziali: come si usano

Gli oli essenziali non si usano mai puri, tranne rare eccezioni.

Sono sostanze molto concentrate, potenzialmente irritanti e anche diluiti ne bastano pochissime gocce.

L’effetto benefico dell’aromaterapia si ottiene sia per via aerea, quindi profumando le stanze, gli oggetti, gli abiti; sia per via cutanea, con applicazioni locali delle essenze, per esempio attraverso i massaggi.

Le dose indicate si riferiscono all’uso di un olio singolo o al totale di più oli in una miscela.

Diffusione ambientale diffusore 1

Si utilizzano diffusori specifici per oli essenziali (brucia essenze o diffusori ad ultrasuoni) oppure la vaschetta del calorifero. In entrambi i casi l’olio va diluito in acqua.

Aggiungere dalle 6 alle 15 gocce di olio essenziale nella vaschetta della lampada per aromi o nel calorifero con aggiunta di acqua.

 

Massaggi

oli

Attraverso la pelle l’olio essenziale entra in circolo in pochi minuti, costituendo un’ottima applicazione non invasiva. Prima di procedere al massaggio bisogna sempre diluire l’olio o gli oli scelti in un vettore oleoso o in una crema base neutra. L’elemento veicolante può essere di vario tipo: un olio base vegetale come jojoba, mandorla, nocciola e altri.

La crema base neutra è meno untuosa rispetto all’olio, quindi permette di ottenere un prodotto da applicare giornalmente sulla pelle sotto ai vestiti.

La percentuale di oli essenziali singoli o in miscela del 2-3%.

In 50 ml di olio o crema sono sufficienti 10 gocce in totale.

Bagni

sali

Come base si utilizzano 3 cucchiai di: miele, panna, argilla, sale grosso da cucina o del Mar Morto. Aggiungere la miscela così ottenuta all’acqua calda della vasca da bagno e agitare con movimenti rotatori in senso orario; entrare nella vasca e rilassarsi per almeno 10 minuti  prima di utilizzare saponi e bagnoschiuma.
Per un bagno completo sono sufficienti dalle 10-15 gocce totali di oli essenziali in funzione delle loro caratteristiche.

Inalazione secca

fazzoletto

E’ molto pratico mettere 2 gocce di olio essenziale su un fazzolettino di carta o di cotone da annusare a più riprese.

Grazie per condividere questo articolo se ti è piaciuto e se pensi che possa essere di aiuto a qualcuno!

Se vuoi rimanere aggiornato sui prossimi articoli, iscriviti QUI!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *