Beatrice Castelli effettua il proprio servizio di consulenza su appuntamento online oppure in studio. Clicca qui per maggiori informazioni.

Contatti

 + 39 3478138642
info@curarsiconifiori.it

MAMA CHAT

Servizio gratuito e anonimo per donne in difficoltà.

Prevenire il mal di testa con gli oli essenziali

Prevenire il mal di testa con gli oli essenziali

Il mal di testa o cefalea è un disturbo comune e piuttosto invalidante.
Anche quando si presenta in forma leggera è come una cortina scura che toglie luminosità ed energia alle nostre giornate.
Difficilmente si risolve da solo senza ricorrere ad un farmaco anzi, più si fa passare il tempo nella speranza migliori e più i sintomi aumentano.

Avendone sofferto anni fa ho cercato a lungo soluzioni naturali e prive di effetti collaterali.
Impresa ardua perché il mal di testa è molto ostico anche al trattamento farmacologico e può essere dovuto a cause molto diverse tra loro che possono anche coesistere e sovrapporsi.

Da un punto di vista clinico si distingue tra tre gruppi di cefalee:
1) Cefalee vasomotorie dovute ad una costrizione dei vasi delle arterie del capo; comprende l’emicrania classica caratterizzata solitamente da un dolore pulsante monolaterale.
2) Cefalee da tensione muscolare, dovute ad una contrazione dei muscoli del capo e del collo. Queste forme rappresentano il 60% parte dei casi.
3) Cefalee da nevralgia, dovute a sofferenze che derivano da nervi del capo.

L’emicrania sembra derivare da una predisposizione genetica e può essere scatenata da stanchezza, sforzi fisici, alimenti mal tollerati, fluttuazioni ormonali e condizioni psicologiche come depressione e ansia.
La cefalea tensiva, invece, non è dovuta ad una predisposizione familiare ma è causata principalmente da disagi emotivi quali preoccupazioni, stress, oltre che da tutti quei fattori che causano tensione dei muscoli del collo e della testa, come posture scorrette e disturbi mandibolari.
Anche se può sembrare banale, la prevenzione è la soluzione più utile; riuscire a capire la causa del proprio mal di testa è il primo passo per cercare di eliminare e contrastare quei fattori scatenanti che, una volta innescata la reazione dell’organismo, è difficile arginare.

 

Qual è la causa del mio mal di testa?

Nell’ambito di una visione globale dell’uomo, la cefalea è innanzitutto un avvenimento da comprendere, il sintomo di qualcosa di più profondo.
La testa rappresenta il raziocinio e la sapienza; è la struttura organica più evoluta del nostro corpo in cui si collocano il pensiero e la ragione.
La cefalea colpisce la dunque la sede del pensiero e della coscienza; partendo da questi presupposti, ecco alcune domande utili che ti possono aiutare a guardarti dentro:

– Riesco ad esprimere la mia aggressività?
– Sto vivendo un momento particolarmente impegnativo?
– C’è qualcosa che mi pre-occupa?
– Riesco ad esprimere i miei sentimenti?
– Penso che la ragione sia il modo migliore di risolvere i problemi?
– Mi fido molto o solamente del mio pensiero?
– Mi stanno chiedendo di fare cose oltre la mia possibilità?
– Sto vivendo un conflitto?

Molte volte, solamente il riconoscere e legittimare le tue emozioni e stati d’animo è già sufficiente per liberare la pressione e sentirti subito più alleggerita.
Altre volte la causa scatenante della cefalea può essere di natura posturale dovuta ad un’eccessiva rigidità del tratto cervicale, ad esempio per eccessivo utilizzo di computer portatili, tablet, cellulari che costringono il collo ad assumere una posizione innaturale.
Ovviamente le cause di natura emotiva non escludono le altre ma si rinforzano a vicenda.
Indagare sulle cause del proprio mal di testa e agire alla fonte, è uno dei metodi più utili per ridurre la frequenza degli attacchi.

 

Quali soluzioni naturali sono utili?

Dal punto della medicina naturale, una tecnica che trovo molto efficace per la prevenzione e la cura della cefalea è l’utilizzo degli oli essenziali secondo i principi dell’aromaterapia.
Le essenze aromatiche sono tra i più potenti doni che la Natura ci ha messo a disposizione. Possiedono un’altissima concentrazione di principi attivi che le rendono straordinariamente efficaci sull’organismo sia a livello fisico, ma ancor più a livello del sistema psico-emozionale; infatti, tramite il sistema olfattivo, gli oli essenziali accedono direttamente al cervello permettendo di trasformare rapidamente pensieri ed emozioni.

Nome botanico Lavandula officinalis
Chemotipo linalil acetato, linalolo
Nota
cuore
Profumo
calmante, intenso e floreale
Controindicazioni
nessuna
Uso puro
consentito
Uso in gravidanza
sicuro

Uno degli oli essenziali più sicuri da utilizzare e più efficaci per prevenire e curare la cefalea è quello di Lavanda Vera (Lavandula officinalis).

Questo olio è un antidolorifico naturale che esercita un’azione riequilibrante sul sistema nervoso centrale poiché è contemporaneamente tonico e sedativo. E’ un eccellente rilassante, ansiolitico e antistress. E’ altamente consigliato nel caso di esaurimento nervoso e tensione dovuta a superlavoro. Indicato in caso di insonnia, agitazione ed irrequietezza, è utile anche nelle depressioni leggere, nella depressione bipolare e nelle sindromi maniacali.

Per l’effetto sedativo sul sistema nervoso è ottimo proprio per alleviare il mal di testa; dona uno stato di calma, di pace e di quiete interiore. Libera il pensiero e aiuta a prendere delle decisioni.
L’olio essenziale di Lavanda Vera è anche un potente antisettico, lenitivo e decongestionante. Facilita la guarigione delle ferite ed è utile per idratare e difendere la pelle dalle aggressioni esterne.

Nel 2012, è stato pubblicato il primo studio sugli effetti benefici dell’olio di lavanda contro l’emicrania (1).
I ricercatori hanno chiesto ad alcuni soggetti sofferenti di emicrania di assumere solo olio di lavanda per tutta la durata del disturbo, mettendone qualche goccia sulle labbra e inalandone i vapori per un totale di 15 minuti.
I pazienti hanno poi registrato il livello di dolore ogni 30 minuti per 2 ore circa, senza assumere alcun antidolorifico per tutta la durata del test.
Alla fine dell’esame, i sintomi dell’emicrania si sono ridotti per il 74% dei partecipanti.
I ricercatori hanno concluso che:

“l’inalazione di olio essenziale di lavanda può essere un modalità di trattamento efficace e sicura nella gestione di emicranie acute”.

Un altro olio essenziale che permette di ottenere degli ottimi risultati con il mal di testa e che, personalmente, trovo addirittura più efficace, è l’olio essenziale di Menta piperita.

Nome botanico Menta piperita
Chemotipo mentolo, mentone
Nota
testa
Profumo
fresco e leggermente aspro
Controindicazioni
non usare in gravidanza, allattamento e sotto gli 8 anni
Uso puro
può provocare sensibilizzazione
Uso in gravidanza
non consentito

E’ un olio che va usato con cautela e competenza perché molto attivo e può provocare sensibilizzazioni; inoltre non è adatto in gravidanza e per i bambini di età inferiore agli 8 anni.
La Menta piperita agisce in particolare sul sistema nervoso e sul sistema digestivo. E’ un efficace antistress utile nei casi di superlavoro: stimola, rigenera e purifica i pensieri; migliora la concentrazione e la memoria. Nota è l’azione digestiva della menta, non solamente sotto forma di olio essenziale, utile in caso di meteorismo, flatulenza, indigestioni, colite, diarrea, spasmi, dispepsie e quasi tutti i disturbi legati all’apparato digerente.

Ricordati che se vuoi usare gli oli essenziali per trattare il mal di testa, è importante assumerli ai primi sintomi di cefalea.

 

Modalità di utilizzo

Per placare il mal di testa il metodo più semplice che utilizzo è di versare una goccia sul palmo delle mani, frizionare velocemente e ispirare. Leggi però attentamente le indicazioni seguenti per trovare la modalità migliore per te, soprattutto se hai la pelle sensibile, oppure vuoi utilizzare gli oli essenziali sul tuo bambino.

Olio essenziale di Lavanda

Per via esterna: 2 gocce di olio essenziale di lavanda sulle tempie, o ai polsi, inspirando l’aroma lentamente e profondamente.
Puoi applicare 2 gocce anche su un fazzolettino di carta o cotone da annusare a più riprese; oppure puoi mettere 2 gocce sul palmo della mano, frizionare poi la mani tra loro, avvicinarle al naso e inspirare più volte.
Per diffusione ambientale: dalle 10 alle 15 gocce (circa 1 goccia per mq. della stanza) nella vaschetta del brucia-essenze con un po’ di acqua.

Olio essenziale di Menta piperita

Per via esterna va usato con cautela sulle cuti più sensibili e reattive; in caso di dubbio diluisci 1 goccia in un cucchiaio di olio base vegetale, frizionalo sui palmi delle mani ed inspira.
In alternativa puoi versare 1 goccia di olio essenziale su un fazzoletto di carta, avvicinarlo al naso, facendo attenzione a non avvicinarlo troppo agli occhi, respirando normalmente.
Per diffusione ambientale utilizzare dalle 5 alle 10 gocce.

 

Se ti interessa leggere altri articoli sugli Oli essenziali metti mi piace!

Se vuoi rimanere aggiornato sui prossimi articoli, iscriviti QUI!

 

(1) Sasannejad, P., Saeedi, M., Shoeibi, A., Gorji, A., Abbasi, M., & Foroughipour, M. (2012). Lavender essential oil in the treatment of migraine headache: a placebo-controlled clinical trial. European neurology, 67(5), 288-291.

(2) Göbel, H., Fresenius, J., Heinze, A., Dworschak, M., & Soyka, D. (1996). Effectiveness of Oleum menthae piperitae and paracetamol in therapy of headache of the tension type. Der Nervenarzt, 67(8), 672-681.

(3) Göbel, H., Schmidt, G., & Soyka, D. (1994). Effect of peppermint and eucalyptus oil preparations on neurophysiological and experimental algesimetric headache parameters. Cephalalgia, 14(3), 228-234.

Condividi

Scrivi un commento


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla newsletter

 

Ogni mese consigli, strategie e risorse gratuite per migliorare la tua vita in modo naturale!
Potrai cancellarti dalla lista in qualsiasi momento. 

Trattamento dati

Grazie per l'iscrizione!